FASE IV  

Mentre il terzo corpo d´armata francese, partito al mattino da Novara, ritarda a giungere sul campo di battaglia, Espinasse cerca inutilmente di congiungersi a Mac Mahon a Boffalora. Vengono allora cambiati i piani: le due colonne marceranno separatamente su Magenta, avendo il campanile della chiesa di San Martino come punto di riferimento.
Comincia tuttavia ad arrivare da Abbiategrasso il grosso delle truppe austriache, il cui ingresso in linea rende la situazione critica per i francesi, a tal punto che gli austriaci inviano a Vienna un telegramma che annuncia la loro vittoria.
In particolare a Pontenuovo la situazione per i francesi appare disperata, con cinquemila uomini che per tre quarti d´ora devono sostenere l´urto di cinquantamila austriaci. L´avanzata di Mac Mahon da Boffalora, restituisce tuttavia fiducia ai francesi, e induce gli austriaci a retrocedere da Pontenuovo per difendere Magenta.

BATTAGLIA DI MAGENTA - OPERAZIONI DALLE 16.30 ALLE 18.30 (tratta da A.Viviani "Magenta 4 giugno 1859: dalle ricerche la prima storia vera" pag.172)